Gli effetti salutari dell’etanolo dipendono dalla quantità di alcol consumata e dal modello di assunzione. La maggior parte degli studi riporta una curva a forma di J, in cui chi assume alcolici in quantità leggere o moderate presenta meno rischi degli astemi, mentre i forti bevitori presentano il rischio massimo.

Il consumo di vino regolare moderato è associabile a numerosi benefici per la salute. Tuttavia, il rischio aumenta a ogni bicchiere oltre la soglia di moderazione! Superare le linee guida consigliate non fornirà maggiori benefici, ma risulterà soltanto più nociva!


J-curve

La curva a J, ampiamente accettata, che descrive l’associazione tra consumo di bevande alcoliche e mortalità totale, è nota da decenni e le prospettive poste dalle più recenti ricerche epidemiologiche restano a supporto di tale relazione. Mentre bere smodatamente è generalmente correlato a un rischio maggiore di mortalità, al consumo da leggero a moderato si associa un rischio minore di mortalità in generale, soprattutto in relazione a malattie cardiovascolari.


La maggior parte degli studi iniziali ha posto in relazione soltanto la quantità media di alcol consumato in un determinato periodo di tempo (generalmente una settimana) come indicatore del consumo; tuttavia, tale consumo medio non consente di rilevare il rischio associato a determinati modelli di assunzione, come la pesante assunzione episodica. Molti studi più recenti hanno evidenziato che un modello di assunzione può essere una valida indicazione di esposizione all’alcol e hanno dimostrato che il modello di assunzione “più sano” è il consumo di piccole quantità di alcol (generalmente definite in 1-3 unità di assunzione standard/giorno) su base frequente (quotidianamente o in più occasioni durante la settimana).

I benefici del consumo moderato di vino


In tutto il mondo sviluppato, le malattie cardiovascolari sono la principale causa di morte e rappresentano fino al 50% di tutti i decessi. Coerentemente, studi scientifici stanno dimostrando che consumare bevande alcoliche in moderazione riduce la mortalità per malattia coronarica, nonché per altre cause del 25-30% in soggetti di mezza età, soprattutto negli uomini di età superiore ai 40 anni e nelle donne in post-menopausa.

Moderati bevitori di vino hanno un tasso di mortalità più basso di quelli che si astengono o bevono in eccesso. Questa associazione è ampiamente riconosciuta come la curva J. Il rischio relativo di morte è il più basso tra bevitori da leggeri a moderati e aumenta tra coloro che si astengono. Tuttavia, il rischio aumenta con ogni bicchiere in piu. Quindi, mentre ai sensi delle Nazioni Unite, il bere moderatamente in certe circostanze, può essere considerato un "bene per la salute", consumando più di quanto le linee di guida indichino, non si hanno più benefici, ma solo più male!


I rischi associati con il consumo eccessivo di bevande alcoliche


Se consumate in eccesso, le bevande alcoliche aumentano l'esposizione ad una vasta gamma di fattori di rischio e il rischio aumenta con la quantità di alcol consumato. Ed è quindi fondamentale per prevenire il consumo eccessivo. L'abuso di alcool è associato a una serie di malattie croniche a lungo termine che riducono la qualità di vita. Queste includono l'ipertensione, problemi cardiovascolari, cirrosi del fegato, dipendenza all’alcool, varie forme di cancro, alcol-correlati danni cerebrali e una gamma di altri problemi .

Tuttavia, non solo la quantità di alcol, ma anche i modelli di consumo sono importanti. I risultati di alcuni studi sostengono che il binge drinking è dannoso per il cuore. Gli autori delle ricerche hanno concluso che la cosa migliore è evitare il binge drinking, non solo a causa dei possibili effetti negativi sul cuore, ma anche a causa dei rischi immediati, come incidenti e violenze.

In aggiunta ai problemi di salute derivanti dal consumo eccessivo di bevande alcoliche, ci sono conseguenze sociali, sia per il bevitore e sia per gli altri membri della comunità. Le conseguenze sono danni ai membri della famiglia (bambini compresi), ad amici e colleghi, così come per gli sconosciuti.


Per maggiori informazioni su modelli di assunzione del vino e salute, visitare www.wineinformationcouncil.eu


Per eventuali dubbi e chiarimenti sull'assunzione abituale di alcolici e salute, consultare il proprio medico o il medico di famiglia.
27/10/2013 | Moderazione
Vino e cuore: Come funziona?
Glass of red wine Il consumo moderato di bevande alcoliche è associato a livelli inferiori di coronaropatie.
04/10/2013 | Moderazione
IL paradosso Francese
Glass of red wine

Il riconoscimento da parte degli scienziati e del pubblico dei potenziali effetti salutari dell’assunzione moderata di bevande alcoliche si è diffuso circa vent’anni fa a seguito dei rapporti sul cosiddetto “paradosso francese”: livelli elevati di fattori di rischio (come dieta ricca di grassi saturi, fumo e scarso esercizio fisico) tra i Francesi ma percentuali minime di coronaropatie.

03/10/2013 | Moderazione
J-curve
J-curve I bevitori moderati di vino presentano rischi minori di mortalità per qualsiasi causa (rischio di moralità totale inferiore) rispetto a coloro che si astengono o devono pesantemente. Quest’associazione ampiamente riconosciuta è nota come curva a J.

www.wineinformationcouncil.eu
Share on Facebook Share on twitter Share on google plus Pin It e-mail