Importanza della modalità di assunzione di alcolici

Il consumo di vino moderato è associabile a numerosi benefici per la salute negli individui adulti. D’altra parte, il rischio aumenta notevolmente a ogni bicchiere oltre la soglia di moderazione! Superare le linee guida consigliate non fornirà maggiori benefici, ma risulterà soltanto più nocivo.

Tuttavia, non soltanto la quantità, ma anche il modello di assunzione è ritenuto rilevante nella disamina degli aspetti salutari delle bevande alcoliche.

È consigliabile bere con moderazione e regolarmente durante i pasti, piuttosto che bere la stessa quantità in un’unica occasione. Tale raccomandazione esclude i giovani, gli individui che assumono determinati farmaci o hanno un passato di dipendenza e le donne incinte, che dovrebbero evitare di bere.

Numerosi rapporti evidenziano che, sebbene nelle regioni europee del Mediterraneo si registri il consumo di alcolici più elevato pro-capite, i modelli di assunzione osservati nell’area pongono rischi minori per la salute. Infatti, i modelli di assunzione dannosi sono nettamente meno comuni nei principali paesi produttori di vino, che è consumato con maggiore regolarità, quasi esclusivamente durante i pasti a casa, mai senza cibo, non in bar/ristoranti e il volume di alcol consumato a ogni assunzione tende a essere decisamente inferiore rispetto quello consumato nei paesi settentrionali (per es. Regno Unito e Irlanda), che presentano, viceversa, livelli di binge drinking tra i più elevati.

Inoltre, aumentano le evidenze a sostegno della dieta mediterranea in quanto benefica per la salute umana. La dieta mediterranea è caratterizzata da un’elevata assunzione di verdura, legumi, frutta e frutta secca, cereali integrali, assunzione moderatamente elevata di pesce, assunzione elevata di olio d’oliva, assunzione da bassa a moderata di prodotti caseari, assunzione bassa di carni e consumo regolare, ma moderato, di vino.

Per tradizione, la maggior parte delle culture europee considera il vino una scelta raffinata, una visione coerente con il consumo moderato. Sebbene il consumo di vino nell’UE sia diminuito notevolmente negli ultimi 20 anni, si è verificato un aumento graduale nell’abuso di bevande alcoliche tra i giovani, soprattutto sotto forma di “binge drinking”.

La tendenza evidenzia l’importanza dei modelli di assunzione e l’esigenza di promuovere responsabilità e moderazione nel consumo di bevande alcoliche.

I governi hanno posto le linee guida per l’assunzione a basso rischio in modo da ridurre al minimo i potenziali danni fisici e ottimizzare i possibili benefici. Alcune di esse consigliano ai consumatori di bere mentre mangiano, alternare bevande alcoliche e analcoliche e “regolare il ritmo” degli alcolici.

Per maggiori informazioni su modelli di assunzione del vino e salute, visitare www.wineinformationcouncil.eu


Per eventuali dubbi e chiarimenti sull'assunzione abituale di alcolici e salute, consultare il proprio medico o il medico di famiglia.
-- | Moderazione
Capire la complessità dei fattori regionali e interculturali

Tradizionalmente, la maggior parte delle culture europee considerano il vino una scelta raffinata, una visione che è coerente con un consumo moderato.

Share on Facebook Share on twitter Share on google plus Pin It e-mail