Istruzione

E importante ridurre i danni associati all’alcol, è informare, educare e accrescere la consapevolezza sul consumo dannoso di alcol, al fine di sviluppare e aumentare la conoscenza su modelli di consumi appropriati nelle nostre società.


Il programma educativo "Art de Vivre" (arte di vivere) prevede:

  • l’educazione attiva del settore e dei consumatori per incoraggiare il cambiamento culturale nell’approccio al consumo di bevande alcoliche, rendendo la moderazione più appetibile;
  • l’educazione dei consumatori che apprezzano il vino, affinchè lo assumano con moderazione e responsabilmente, nell’ambito di uno stile di vita sano;
  • che i consumatori acquisiscano familiarità sia con i rischi dell'abuso e dell'uso improprio sia con i benefici del consumo moderato di vino, per consentire loro di prendere decisioni informate e responsabili;
  • informazioni equilibrate sui rischi dell’uso improprio e sui benefici del consumo moderato.


Il programma "Art de Vivre" sotto forma di istruzione e di formazione professionale ambisce ad aumentare conoscenza, capacità e competenze dei professionisti in ambito enologico, per contribuire affinché essi stessi e i loro clienti possano fare scelte responsabili e correttamente informate, compatibili con uno stile di vita sano, e riducano l’uso improprio e l’abuso di alcol.
Tale istruzione e formazione professionale coinvolge professionisti e partner dell'intera catena del valore e comprende vari moduli, come vino e salute, metabolismo dell’alcol, modelli di assunzione e rischi del consumo eccessivo, linee guida al consumo responsabile, dosaggio responsabile, ambito legale e politica in materia di alcolici, ecc.

Sulla base dei principi generali del programma di Wine in Moderation, i programmi educativi sono implementati e organizzati a livello nazionale e possono essere personalizzati per soddisfare al meglio esigenze specifiche di gruppi professionali e nazionali.

Per maggiori informazioni, rivolgersi alla propria associazione nazionale.

Files attached to this article:

Share on Facebook Share on twitter Pin It e-mail